Chiudi

Cronache di anime erranti

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram

Racconti di creature ignote accomunate da destini analoghi

Cronache di anime erranti
Novità
ISBN
978-88-3309-127-3
Co-edizione
-
Genere
Narrativa
Materia
Testi letterari moderni e contemporanei: romanzi, racconti, diari ed epistolari
Collana
Le Pleiadi
Anno edizione
2023
Luogo edizione
Ghilarza
Supporto
Cartaceo
Pagine
80
Rilegatura
Brossura con lembi e cucitura filo refe
Dimensioni
12 x 17 cm
Peso
80 g
N° volumi
1
Illustrato
No
Lingua di pubblicazione
Italiano
Lingua originale
-
Lingua a fronte
-
Allegato
-
Scolastico
No
Disponibilità
Di prossima pubblicazione
Distribuzione
No

10,00 €

Questa silloge di racconti brevi nasce dal desiderio dell'Autore di legare tra loro alcune piccole storie figlie della grande Storia, vicende di esseri che per più di un secolo attraversarono l´aria che respiriamo noi oggi e vissero esperienze, seppure infinitamente modeste, assai intense e necessarie.
Da ognuno dei dodici racconti emergono tipi umani caratterizzati da una esistenza dolente, quasi sempre solitaria, talvolta esemplare, “anime erranti” appunto. Personaggi vittime del tempo e degli uomini, che aggrumano, ognuno per sé, particolari ricorrenti pur in vicende tra loro tanto dissimili. Una raccolta che propone circostanze umane possibili e variamente intessute, trame di vicissitudini esistenziali in grado di consegnarci immagini, sensi di sofferenze estreme e di sentimenti assoluti.
Eliano Cau

Eliano Cau (1951-)

Sebastiano Cau, noto Eliano, è nato a Neoneli (OR) nel 1951 e vive a Sorgono (NU) dove ha insegnato Lettere in un istituto superiore fino al 2011.

Della sua terra ama natura, storia, cultura. Si occupa ormai da tanti anni, come poeta e come giurato in molti concorsi letterari, di poesia e di cultura della Sardegna. È un appassionato studioso dell’opera poetica del neonelese Bonaventura Licheri. Per la casa editrice S’Alvure di Oristano ha scritto, nel 2000, dieci racconti in italiano, facenti parte di Balentìas. Nell'autunno 2001, sempre per S’Alvure, ha composto il suo primo romanzo, Dove vanno le nuvole. Nell'autunno del 2004 ha ripubblicato, presso la PTM, il romanzo Adelasia del Sinis. Nel 2008 è uscito per la casa editrice Aìsara il romanzo Per le mute vie. Tra le sue opere più recenti si indicano: Son luce e ombra e Luce degli addii, pubblicati dalla casa editrice Condaghes e, per i tipi della NOR, la silloge bilingue di poesie, In ojos de amore.

Impegnato all'interno di autorevoli giurie di numerosi concorsi poetici, in veste di autore si segnala, tra le molteplici onorificenze ottenute, la plurima vittoria del prestigioso Premio Montanaru di Desulo.